Alix ed Enak sono richiesti a Gerusalemme da Hiram Khal, braccio destro del sovrano Oribal. Questi è in grave difficoltà perché la sua ammirazione per Alessandro il Grande lo ha spinto a circondarsi di artisti greci e a erigere un immenso tempio dedicato al dio Apollo. La costruzione necessita di sempre più risorse e Oribal le ha cercate alzando le già gravose tasse. Sobillato dal clero locale che non accetta i costumi “occidentali”, il popolo è in rivolta e solo un individuo gode della stima sufficiente a farsi ascoltare: Alix.