Crepax ama il genere giallo in tutte le sue declinazioni. In questo volume adatta i tre racconti di Edgar Allan Poe che presentano il padre di tutti gli investigatori, Auguste Dupin. Sa però costruire la tensione alla maniera di Alfred Hitchcock, come in “Moscacieca”, mentre in “Subconscious” si spinge ai confini dell’horror alla Howard Phillips Lovecraft.