1831. CHARLES DARWIN, ventidue anni, laureato a Cambridge in Scienze Naturali, su raccomandazione del suo
professore si imbarca come naturalista a bordo della HMS Beagle, nave lanciata in una missione scientifica attorno al mondo. Durante il viaggio, reso piuttosto turbolento dalla convivenza con il capitano Robert Fitzroy che del giovane scienziato condivide la passione per la scienza e la scoperta ma non quella per le idee umanistiche, Darwin rimarrà costantemente stupito dalla bellezza della natura e dalla sua varietà. Cresciuto nella più pura tradizione cristiana, vedrà inoltre la sua fede messa a dura prova da ciò che avrà modo di osservare: perché Dio ha creato e distrutto così tante specie? Prima parte, di due, sul famoso viaggio che pose le basi per la teoria dell’evoluzione, che scuoterà le credenze religiose dell’epoca.