Nel Luglio del 1944, mentre la terribile sorte degli ebrei europei non poteva più essere nascosta dagli uomini del Reich, il premier britannico Winston Churchill autorizzò la costituzione della brigata ebraica, tre battaglioni di fanteria e unità di supporto per un totale di circa cinquemila uomini. Come bandiera di combattimento fu scelta la stella di David azzurra su campo bianco, i colori del tallit, lo scialle di preghiera rituale. Distintasi per aver partecipato alla liberazione dell’Italia, la brigata fu decisiva per la migrazione in Palesti dei sopravvissuti ai campi di sterminio e la creazione di quel piccolo eercito che per primo difese l’appena nato stato di Israele. Questa è la su storia.