Accompagnato dal fido scudiero Olivier, il cavaliere Aymar cerca di mettere insieme il denaro che gli garantirà una truppa di mercenari che dia l’assalto alle avite terre perdute. Il destino lo spingerà verso la Terra Santa, guida di pellegrini che vogliono visitare il sepolcro del Cristo, anche a costo della propria vita e di quella dei propri cari. Non potendosi permettere un viaggio in nave, la carovana è costretta ad attraversare i Balcani e l’Anatolia, predatori e prede di un’umanità vilipesa il cui unico fine è la sopravvivenza, nel sangue e nella polvere. Quando la fortuna sembra arridere a messer Aymar, sotto forma di un vero e proprio tesoro caduto nelle sue mani, i sogni di una moglie che gli garantisca un erede e del castello dalle alte torri sembrano concretizzarsi. Il più grande affresco di Hermann giunge al suo spettacolare termine.