Negli anni Sessanta del XX Secolo la città dell’Avana è uno dei centri nevralgici della politica internazionale, e la piccola isola di Cuba tiene in mano le sorti di tutto il pianeta. È qui che arriva il giornalista tedesco Karl Mertens per intervistare il responsabile di quella situazione: non immagina proprio che sta per abbandonare il suo paese e la sua famiglia per restare a Cuba e unirsi ai rivoluzionari capeggiati proprio da quel leader, Fidel Castro.